di Idan Landau 

Un evento terribile sta per accadere: Israele lancerà presto un'operazione militare in Libano. Non un attacco mirato su un convoglio o una fabbrica di armi, ma un attacco simultaneo alla produzione di missili e ai siti di lancio di Hezbollah. L'operazione avverrà contemporaneamente o immediatamente dopo una serie di omicidi di noti agenti di Hezbollah. Questa organizzazione reagirà, naturalmente, lanciando una massiccia raffica di missili nei centri abitati in Israele, e Hamas potrebbe contribuire con la sua quota nel sud. La settimana scorsa siamo stati informati che i sistemi di intercettatori missilistici sono già stati dispiegati in tutto il paese come parte di una "esercitazione" congiunta tra l'esercito israeliano e l'esercito americano. Washington ha già dato il via libera, o almeno così apprendiamo dall'ultimo articolo di Thomas Friedman, fedele portavoce della politica estera americana. 

In questo evento ben orchestrato, i portavoce di Israele suonano una sola melodia: l'Iran e gli Hezbollah hanno attraversato una linea rossa, e se il loro protettore russo non li trattiene (il nocciolo del coordinamento di sicurezza Israele-Russia), Israele colpirà duramente (e lo farà perché i russi non possono trattenerli). Il ministro della difesa Liberman promette che "tutta Beirut si nasconderà nei rifugi antiaerei", mentre il ministro Naftali Bennett ha promesso che) "i libanesi pagheranno il prezzo" (una esplicita minaccia per commettere crimini di guerra). Naturalmente questa è anche l'ora più bella dei generali in pensione che ora possono parlare liberamente. "L'Esercito Israeliano userà molta forza. Questi luoghi saranno distrutti quasi completamente, "promette il Gen. Noam Tibon. Il Gen. Amiram Levin ha gettato benzina sul fuoco: "Il Libano sarà distrutto". 

Quale "linea rossa" è stata attraversata questa volta? Secondo Israele, è stata la creazione di una fabbrica di missili iraniana nel territorio libanese. Per quanto ricordo, Israele ha almeno tre fabbriche che producono missili guidati con precisione (Rafael, IAI ed Elbit), ma questo non è apparentemente un pretesto sufficiente per un attacco libanese. Tali pretesti sono solo un privilegio israeliano. Israele ha a lungo messo in guardia il suo vicino contro l'acquisto di armi (missili a lungo raggio e guidati con precisione), e sta attento a distruggere i convogli che trasferiscono tali armi in Libano. 

Questo è, a dir poco, orwelliano. Non esiste un "equilibrio" tra la precisione dei missili israeliani e quelli nelle mani di Hezbollah. Le armi "rimuovendo gli equilibri di potere" nelle mani dell'organizzazione ristabiliscono l'equilibrio. Ma un vero equilibrio tra la capacità di deterrenza di Hezbollah e quella dell'IDF è un pensiero intollerabile per i vertici di comando della difesa israeliana. Pertanto, è necessario bombardare qualsiasi segno di armi che "rimuova l'equilibrio del potere" - un attacco progettato per distruggere l'equilibrio tra le due parti. Questo ciclo è autodistruttivo per Israele. I commentatori vedono ancora chiaramente che questa è una guerra di scelta. "Israele sta scalando un cavallo alto", scrisse Alex Fishman a Yedioth Ahronoth il mese scorso, "e si sta avvicinando con passi da gigante a una ‘ guerra di scelta’: senza parole minatorie, è una guerra iniziata in Libano." Si è scritto sul rischio putativo di Hezbollah che spara per primo, come ha commentato Edelist Ran di Maariv: "Non c'è pericolo di guerra, Hezbollah non ha alcun motivo o intenzione di andare in guerra contro un nemico che lo travolgerà facilmente dopo alcuni giorni di battaglia." Ben Caspit ha anche scritto su una giusta prospettiva di una "guerra di scelta", mentre un editoriale di Haaretz ha scritto quanto segue: 

Il governo israeliano deve quindi ai cittadini israeliani una spiegazione precisa, pertinente e persuasiva del motivo per cui una fabbrica di missili in Libano ha cambiato l'equilibrio strategico fino al punto di giustificare l’entrata in guerra. Deve presentare valutazioni all’opinione pubblica israeliana in merito al numero atteso di vittime, danni alle infrastrutture civili e al costo economico dell'andare in guerra, rispetto al pericolo rappresentato dalla costruzione della fabbrica di missili. 

Prestate attenzione a questo tono diffidente. Ricordatelo e confrontatelo con il tono dei commentatori dopo che il primo missile è atterrato e ne ha provocato la causalità. Quando Israele è sul  "piede di guerra", i giornalisti indossano i loro giubbotti da battaglia e salutano la bandiera. Anche coloro che dubitavano del ragionamento iniziale dell'operazione lo giustificherebbero apertamente di fronte alle vittime. Siamo sempre stati in guerra con la fabbrica di missili iraniana, ci diranno a denti stretti. E naturalmente, quando i cannoni ruggiscono, devi stare zitto. Perché? Per non fermare il flusso di vittime. 

Un messaggio contro la guerra di "Yesh Gvul", un'organizzazione di soldati israeliani che si è rifiutata di prestare servizio nella prima guerra del Libano: 

vieni qui, aereo 

portaci in Libano, 

lotteremo per Sharon

e torneremo in una bara 

Israele ha una lunga storia di fabbricazione di "motivi di guerra". La cospirazione israelo-britannico-francese (il Protocollo di Sèvres) che ha portato alla campagna del Sinai è stato nascosto al pubblico per molti anni; invece il governo ricorse alla scusa di "prevenire l'infiltrazione di terroristi dal Sinai". Il piano di battaglia di Oranim per la prima guerra del Libano, che cercava di sostituire il governo a Beirut, era nascosto al pubblico. Invece il pretesto per l'invasione sarebbe stato la rimozione di Fatah dall'area a 40 chilometri a nord del confine. 

L'escalation che portò alla Guerra dei Sei Giorni fu in gran parte il frutto dell'aggressione israeliana contro la Siria - come dimostrano le dichiarazioni fatte dal ministro della Difesa Moshe Dayan e David Ben Gurion nelle settimane prima della guerra (documentate nel libro di Tom Segev, 1967, e nella ricerca di Guy Laron). La causa ufficiale fu la chiusura dello stretto di Tiran da parte di Nasser. Ma il capo di gabinetto dell'IDF Rabin ha rivelato al governo di Eshkol che Nasser aveva promesso di consentire alle navi israeliane di attraversare lo stretto accompagnato da navi da guerra americane, e ha sottolineato ai membri del governo che si trattava di informazioni "top secret" che non dovevano essere trapelate , poiché avrebbero minato in larga misura le "basi" della guerra. 

Torniamo alla menzogna della "deterrenza" contro Hezbollah. Nel suo articolo Fishman osserva: "La deterrenza classica è quando minacci un nemico per non farti del male nel tuo territorio, ma qui Israele richiede che il nemico si astenga dal fare qualcosa nel suo territorio, altrimenti Israele lo danneggerà. Dal punto di vista storico e dal punto di vista della legittimità internazionale, le probabilità che questa minaccia venga accettata come valida, portando alla cessazione delle attività nemiche nel proprio territorio, sono scarse. "Ho già scritto sulla distorta percezione della" deterrenza israeliana ": 

Quale altro paese al mondo vede l'armamento dei suoi rivali come pretesto per un attacco militare? Non c'è quasi nessun esempio nella storia militare israeliana prima degli anni 2000. Per molti anni, gli eserciti arabi si sono equipaggiati fianco a fianco assieme all'armamento israeliano (a volte grazie alle tasche gonfie dello zio Sam). Israele non ha mai considerato questo un pretesto per bombardare il Cairo o Damasco. Solo Hamas e Hezbollah devono accontentarsi di archi e frecce contro la tecnologia letale dell'esercito israeliano. I paesi che si sentono minacciati dall'armamento dei loro nemici fanno questo: o si armano meglio (e Israele non deve affrontare concorrenti in questo senso) o riducono il livello di rischio attraverso accordi di riconciliazione e non aggressione (a questo riguardo, siamo ignoranti.) L'audacia di esigere che il nemico non osasse armarsi è un'imprevedibile insolenza israeliana.   

Direte: missili a lungo raggio che mettono in pericolo la popolazione civile hanno cambiato le regole del gioco e il nostro livello di tolleranza. Ma ancora una volta, questo gioco è reciproco, e Israele possiede anche tali armi - spesso più efficaci e letali di quelle dei suoi avversari. In qualche modo, l'acquisizione da parte di Israele di armi che mettono in pericolo la vita di ogni arabo in Medio Oriente non è percepita dai paesi arabi come un "capovolgimento del potere" che giustifica il lancio di missili all'aeroporto di Ben-Gurion o nel quartier generale della difesa Kirya nel cuore di Tel Aviv. 

Considerate il seguente pensiero sovversivo: in assenza di un accordo di non belligeranza tra Israele e Hezbollah, il consolidamento militare di quest'ultimo riduce il rischio di guerra nel nord. La logica semplice deriva dalla teoria dei giochi. Finché c'è un enorme divario tra l'esercito israeliano e Hezbollah, Israele può permettersi di attaccare obiettivi in Siria e in Libano dozzine di volte senza temere di mettere in pericolo il fronte interno. 

Questa è un'illusione, una rigidità strategica i cui limiti sono stretti come i mirini di un fucile. Questi attacchi aumentano il livello di ostilità e alimentano la motivazione del nemico a vendicarsi - un fattore che non viene mai capito abbastanza bene dall'istituzione della difesa. L'aggressiva "deterrenza" di Israele, l'assoluto disprezzo per la sovranità libanese, semina la futura calamità. E così, abbiamo raggiunto questa situazione esplosiva in cui Hezbollah ha tutte le ragioni per contrattaccare. E quindi, naturalmente, è necessario un nuovo colpo preventivo, questa volta molto più grande, che rischia di portare alla guerra. D'altra parte, in uno scenario in cui Hezbollah acquisisce capacità per minacciare realmente il fronte interno israeliano - centinaia e migliaia di missili di precisione a lungo raggio - l'esercito israeliano avrà paura di colpire per primo. La leggerezza insopportabile di violare la sovranità libanese attraverso attacchi aerei e bombardamenti si fermerà. Infine, Israele sarà scoraggiato. Per inciso, lo stesso Hezbollah avrà meno motivi per attaccarci, e i sentimenti di ostilità e rappresaglia non bruceranno così intensamente come fanno oggi. Ci sono  due scenari che affrontiamo in questo momento:

  1. Nello scenario attuale, Hezbollah ha già circa 130.000 missili, di cui solo poche decine sono guidati con precisione. L'inarrestabile provocazione di Israele (circa 100 attentati in cinque anni) ha incoraggiato un aspro nemico attraverso il confine che sta cercando un'opportunità di vendetta. Se scoppia la guerra, l'esercito israeliano ha in programma di lanciare un "attacco preventivo" su tutte le concentrazioni note di missili. Il comandante della Forza aerea israeliana ammette che "non finirà tra tre ore". Il ministro della Difesa mormora qualcosa sulle "vittime". Permettetemi di tradurre: per diverse ore, forse qualche giorno, migliaia di missili saranno lanciati in Israele. Secondo le valutazioni, si ritiene che Hezbollah abbia la capacità di lanciare 1200 razzi al giorno. Non esiste un sistema di difesa in grado di rispondere a una tale minaccia. Sì, ci saranno molte perdite. Quanti? Le stesse valutazioni parlano di centinaia di israeliani uccisi. Sì, dal lato libanese ci saranno ancora più perdite, i villaggi saranno schiacciati, ma questo è molto piccolo conforto per le nostre famiglie in lutto. Ci spiegheranno, ancora e ancora, che ciò era necessario per impedire a Hezbollah di acquisire missili accurati. Sono sicuro che chiunque sia stato colpito da un missile "non-guidato", nel suo ultimo respiro, tirerà un sospiro di sollievo, sapendo che nella loro morte hanno impedito al nemico di acquisire missili guidati con precisione. 
  2. Nel secondo scenario, che è completamente immaginario, Israele scende dal suo alto cavallo e smette di dettare quali armi i suoi vicini sono e non sono autorizzati ad avere - proprio come i nostri vicini non si intromettono negli arsenali israeliani. Di conseguenza, ogni stato e gruppo armato nella regione sapranno che finché si asterranno dal violare la sovranità del loro vicino, quel vicino farà lo stesso. Questa è la deterrenza classica tra i rivali la cui reciproca capacità distruttiva è così orribile da non passare nemmeno per la testa a premere il pulsante. 

Dopo tanti anni di accumulo di mezzi militari, che esaurisce l'intero bilancio civile e serve solo per la "dissuasione", i politici dal volto nuovo appaiono da entrambi i lati del confine con la strana idea che, forse, è possibile ottenere la stessa tranquillità con un esercito più piccolo. Forse è possibile firmare un patto di non aggressione e conservare tutti quei missili luccicanti nel museo? 

Uno scenario immaginario, ovviamente. Il suo principale svantaggio è che i civili non vengono sacrificati. Non c'è inutile fuoriuscita di sangue, niente fuoco e fumo, il sangue non corre alla testa, e in breve: non c'è niente per nascondere l'impiallacciatura della dirigenza politica. Il pubblico non è portato al massacro, non è chiamato alla bandiera, non è tenuto a unirsi contro un nemico immaginario e può ancora chiedere ai suoi capi di rendere conto delle proprie azioni. Se questa è la scelta, la guerra lo è. 

Idan Landau è un professore di linguistica all'Università "Ben-Gurion". Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta in ebraico sul suo blog. Tradotto da Yoni Molad per il Middle East News Service, edito da Sol Salbe, Melbourne, Australia. Ristampato, con il permesso, da +972 Magazine. Foto: parata degli Hezbollah (Haitham Moussawi).

(Trduzione dall'inglese di Diego Siragusa)

 

http://diegosiragusa.blogspot.it/2018/02/unaltra-guerra-non-necessaria.html

fShare
0