La vita sempre più amara dei palestinesi a causa dei coloni


Haaretz.com
23.11.2010

http://www.haaretz.com/print-edition/opinion/a-new-way-to-embitter-palestinian-lives-1.326217

Un nuovo modo di amareggiare la vita dei palestinesi

I coloni nei Territori occupati stanno convertendo le sorgenti e le altre fonti d'acqua in monumenti e siti turistici.

Ha’aretz Editoriale

 I coloni nei Territori Occupati hanno trovato un modo nuovo per rendere ancor più amara la vita dei palestinesi: la conversione delle sorgenti e delle altre fonti d'acqua in monumenti e siti turistici, secondo quanto ha riportato ieri Zafrir Rinat su Haaretz. Come se non bastasse che i palestinesi non hanno accesso alla maggior parte delle sorgenti da quando è stato loro vietato di utilizzare le strade vicino alle colonie, ora le bandiere di Israele sventolalo sulle fonti d'acqua e queste ultime sono recintate da mura e sorvegliate da guardie.

                                                         sring in el-walaijh villageab

 

"Negli ultimi due anni c'è stato un grande sviluppo nel campo del turismo e, come parte del programma di sviluppo [promosso] dal Ministro del Turismo e dal consiglio, le sorgenti sporche sono state trasformate in luoghi turistici piacevoli e aperti al ... pubblico in generale, ", ha scritto il Mateh Binyamin del Consiglio regionale in uno dei dépliant pubblicitari. 

Ma questi non sono aperti a tutto il pubblico. Il linguaggio usato per giustificare la nuova impresa è solo il preludio a questa dichiarazione: "Per ovvie ragioni di sicurezza, ed a causa degli attentati terroristici che si sono verificati nel passato, le Forze di Difesa israeliane non consentono l'accesso degli arabi alle sorgenti vicine agli insediamenti ". 

Questo è il sistema consacrato da tempo con il quale si esercita violenza nei confronti dei palestinesi per mandarli via dalle loro terre, sotto la dubbia orchestrazione dei coloni. In primo luogo creano un insediamento (che è apparentemente legale) o un avamposto (che è illegale, anche per le norme israeliane). Successivamente, l'IDF, che è impegnata a garantire la sicurezza dei coloni , si rifiuta di permettere ai palestinesi di aggirarsi nelle sue vicinanze. 

Ma anche questo non è sufficiente per i coloni, che sono responsabili delle provocazioni. La loro appropriazione delle sorgenti non solo nega ai palestinesi l'accesso alle fonti idriche; essa, in primo luogo, è anche una brutale provocazione. Mettere un cartello che cancella il nome arabo della sorgente e inventarne un nome ebraico in sostituzione, o distruggere un antico edificio e mettere al suo posto un monumento nel tentativo di creare una memoria esclusiva a favore dei coloni ebrei, sono provocazioni solo per il gusto della sfida. 

"L'accesso alle sorgenti è suscettibile di cambiamenti, al fine di prevenire attriti violenti", dice il portavoce dell'IDF. Così i coloni sono premiati due volte: invece di punirli per il loro comportamento selvaggio, lo Stato li supporta e fornisce loro protezione e finanziamenti. 

Il Ministero del Turismo deve capire che tali vergognosi atti colonialisti possono rendere difficile spacciare Israele per una democrazia aperta. Il Ministero farebbe meglio a riconsiderare i costi e i benefici di questo progetto e a rimuovere la sua egida dal comportamento distruttivo dei coloni. 

(tradotto da barbara gagliardi)