Netanyahu, prima di bombardare l'Iran, dì addio a tutti

Haaretz.com
13.08.2012

http://www.haaretz.com/blogs/a-special-place-in-hell/mr-netanyahu-before-you-bomb-iran-say-goodbye-to-everyone-you-know.premium-1.457849


Netanyahu, prima di bombardare l'Iran, dì addio a tutti quelli che conosci

Quando la guerra sarà in corso, non importa perché tu abbia insistito nell'arrivare a questo, se si trattava di un bluff che è diventato una guerra, o del tragico desiderio di ottenere un posto nella storia.

di Bradley Burston

Al centro commerciale locale, quando ho preso un numero per ricevere il kit di protezione individuale contro le armi di distruzione di massa, dalle dimensioni di una scatola da scarpe, mi sono ritrovato a pensare agli addii.

E a Benjamin Netanyahu.
                bibi in hell

Il primo ministro Benjamin Netanyahu presiede la riunione settimanale del gabinetto il 12 agosto 2012. Con un attacco retorico, Netanyahu afferma che la minaccia da parte dell'Iran fa sembrare insignificanti tutte le altre. Foto di AP


Mi sono ritrovato a pensare alla guerra con l'Iran, la guerra che, se inizierà presto, sarà la guerra di Netanyahu. Mi sono trovato a rapportarmi in modo diverso con tutti quelli che incontravo, con tutti quelli che conosco, con tutti quelli che amo. Il modo in cui lo faresti, se stessi dicendo addio.

Il modo in cui faresti se il loro intero futuro, e il tuo, fossero nelle mani di un solo uomo. E nella sua decisione.

Il giorno in cui aspettavo per l'atropina contro il gas nervino e per le maschere contro la guerra chimica e biologica per la mia famiglia, il primo ministro ha chiesto uno spazio all'interno delle trasmissione dei più importanti canali televisivi di Israele per dichiarare la sua posizione contro l'Iran, e per sottolineare che non ha ancora deciso sull'opportunità o meno di bombare.

Prima di decretarlo, dovrebbe trascorrere alcuni momenti con le persone che sono qui con i numeri in mano. Dovrebbe vedere cosa c'è nei loro occhi. Dovrebbe ascoltare la gravità della loro disperazione. Dovrebbe guardare direttamente i bambini e gli anziani e le donne al loro ottavo mese, e la gente della sua età, già in lutto e devastata dalle guerre subite dai genitori, dai fratelli e dai figli dei migliori amici, e, negli ultimi anni, anche dai nipoti.

Questa è una delle cose che molte persone gli stanno dicendo:

Netanyahu, prima di bombardare l'Iran, dì addio a tutti quelli che conosci. Dì addio a tutti quelli che ami. Lo sai che non sarai in grado di proteggere tutti dalle ritorsioni che sicuramente ci saranno. Tutti quelli che conosci costituiscono un obiettivo. Ognuno di coloro che ami è a rischio.


Alcuni dei razzi con elevate testate esplosive passeranno attraverso lo scudo antimissile. E anche se tu e alcuni dei tuoi cari sono nascosti nel rifugio più sofisticato, non uno di voi è immune. Quando sarà finita, quando tornerete in superficie, questo sarà un paese diverso, e qualcuno a cui tieni potrebbe essere stato ucciso dalla testata di un razzo, o schiacciato sotto il peso di un edificio.

Il migliore amico di tuo figlio, tutta la famiglia di tua moglie, le famiglie della tua cuoca, del tuo autista, della tua guardia del corpo. I ragazzi con cui sei cresciuto. I loro figli, e i loro. Dì addio a loro, a ognuno di loro. Ora, prima di dare l'ordine. Prima che sia troppo tardi.

Nel momento in cui darai l'ordine, non ci sarà niente che potrai dire loro. A noi. Non ascolteremo, non dovremo.


Non importeranno, allora, tutti questi argomenti che abbiamo sul perché ti ostini a perseguire la guerra. Se si trattava di un bluff che è diventato una guerra, o del tragico desiderio di ottenere un posto nella storia. Allora non avremo il tempo per parlare di come le elezioni per il presidente americano abbiano inciso sulla tua decisione, o come tu sia stato influenzato, o meno, dalle opinioni delle spie, dei generali e dei diplomatici.

Quando tutto sarà precipitato, non saremo in grado di trovare la forza o il tempo per disprezzarti per quello che hai fatto a tutti noi. Saremo troppo occupati con il dolore della perdita e le macerie.

Al centro commerciale, non danno numeri per avere la possibilità di dirti quello che pensiamo. Le persone con cui sono in piedi pensano che tu abbia sbagliato tutto. La maggior parte delle persone in tutto il paese si sentono allo stesso modo. Ascolta ora. Tu ha il potere di essere il loro giudice, giuria e boia. Il minimo che puoi fare è guardarli negli occhi e chiedere se hanno qualche ultima parola. 

(tradotto da barbara gagliardi)