Striscia di Gaza-La Freedom Flotilla torna

Striscia di Gaza-La Freedom Flotilla torna quest’estate a forzare il blocco

Michele Giorgio

Si chiama “Marianne av Gote­borg” ed è un pesche­rec­cio acqui­stato da “Ship to Gaza Sve­zia” e “Ship to Gaza Nor­ve­gia”. La pros­sima estate, assieme ad altre due imbar­ca­zioni, “Marianne” pren­derà parte alla Free­dom Flo­tilla 3, la nuova mis­sione volta a rom­pere il blocco di Gaza impo­sto da Israele. Sono pas­sati diversi anni dalle sue prime spe­di­zioni navali e la FF non si arrende, con­ti­nua a denun­ciare la chiu­sura di Gaza e la con­di­zione della popo­la­zione pale­sti­nese. Sabo­taggi, divieti e gli arrem­baggi da parte della Marina mili­tare israe­liana – è ben noto quello del mag­gio 2010, quando i com­man­dos dello Stato ebraico ucci­sero nove pas­seg­geri della nave turca “Mari Mar­mara” -, non hanno sco­rag­gia­to­gli atti­vi­sti inter­na­zio­nali della FF. Nep­pure le fiamme, inne­scate dai colpi spa­rati dalle unità da guerra israe­liane durante l’offensiva “Mar­gine Pro­tet­tivo” che lo scorso luglio hanno distrutto l’”Arca di Gaza” anco­rata nel pic­colo porto di Gaza city, sono riu­scite a demo­ti­vare chi della fine del blocco israe­liano ha fatto la sua causa. Sulla nuova Free­dom Flo­tilla ci sarà anche l’ex pre­si­dente tuni­sino, Mon­cef Mar­zouki, assieme ad espo­nenti poli­tici, reli­giosi, figure di spicco dell’economia e della cul­tura di diversi paesi. In tutto dovreb­bero essere una ses­san­tina di pas­seg­geri. Una spe­di­zione che Israele segue con atten­zione ed è pronto a fermare.

Deci­sivo per la nuova mis­sione è il con­tri­buto della Free­dom Flo­tilla Ita­lia. «La sto­ria delle flot­ti­glie – spiega Paola Man­dato della FF Ita­lia — è una sto­ria di soli­da­rietà, di cam­pa­gne di base in tutto il mondo, per­sone che dal 2006 orga­niz­zano azioni dirette a sfi­dare il blocco disu­mano e ille­gale di Gaza». Gli obiet­tivi poli­tici rag­giunti da que­ste ini­zia­tive, aggiunge Man­dato, «sono di aver por­tato ogni volta al cen­tro dell’attenzione mon­diale il blocco di Gaza e di aver mostrato le vere e bru­tali inten­zioni del governo Neta­nyahu nel totale non rispetto della lega­lità inter­na­zio­nale». E’ in corso in par­ti­co­lare la cam­pa­gna “Apriamo Gaza, il Porto della Pale­stina” che pro­pone una serie di passi volti a met­tere in con­tatto le realtà cul­tu­rali ed eco­no­mi­che di Gaza con il resto del mondo. Tra i suoi obiet­tivi c’è anche quello di dotare di uno scuo­la­bus l’asilo di al Burej che porta il nome di Vit­to­rio Arri­goni, l’attivista e repor­ter ita­liano ucciso nel 2011. A stu­denti ed inse­gnanti si rivolge un’altra ini­zia­tiva della FF Ita­lia, “Un dise­gno per supe­rare il blocco di Gaza”, che esorta i ragazzi a fare un dise­gno, un lavoro, un video da inviare agli stu­denti di una scuola di Gaza. I lavori saranno reca­pi­tati nella Stri­scia da uno dei pas­seg­geri a bordo delle tre imbar­ca­zioni della Free­dom Flo­tilla 3. Un primo con­tri­buto è già arri­vato e porta la firma pre­sti­giosa di Vauro. «Per i bam­bini di Gaza – dice Paola Man­dato — rice­vere un mes­sag­gio da parte di bam­bini in altre parti del mondo, signi­fica capire che qual­cuno pensa a loro e ne ha cura. I bam­bini par­lano un lin­guag­gio uni­ver­sale, che non cono­sce bar­riere di nes­sun tipo. I bam­bini comu­ni­cano senza pre­giu­dizi, sanno quindi sta­bi­lire con­tatti e ridare spe­ranza lad­dove gli adulti hanno fal­lito finora».

La Free­dom Flo­tilla Ita­lia ricorda che nella Stri­scia di Gaza circa 500.000 stu­denti pale­sti­nesi non sono stati in grado di tor­nare a scuola lo scorso autunno a causa delle distru­zioni cau­sate dai raid aerei e dai can­no­neg­gia­menti israe­liani della scorsa estate: 174 scuole sono state col­pite, di cui 26 rase al suolo e altre 30 con­ti­nuano ad ospi­tare fami­glie che non hanno più una casa. La rac­colta fondi avviata dalla FF à volta anche alla rea­liz­za­zione di un cen­tro per le donne a Gaza.

Il Manifesto 11.4.2015


Iniziative

Altri Articoli

Amicizia italo-palestinese e la Comunità di base Le Piagge   Venerdì 10 giugno Piazza Alpi e Hrovatin, 2 - Le Piagge - Firenze incontro con Miko Peled attivista/scrittore nato a Gerusalemme, autore di "The General's Son, Journey of an Israeli in Palestine" l'incontro sarà preceduto da una cena...

Leggi tutto: 10 giugno:...

Notizie e Reportage

Altri Articoli

Interventi

Altri Articoli

di Gideon Levy Haaretz, 23.09.2022 Israele vuole un'altra Intifada, non c'è dubbio. Non c'è altra spiegazione per il comportamento sfrenato degli ultimi mesi, anche se non è chiaro quale possibile beneficio potrebbe derivare da un ulteriore inutile spargimento di sangue. Inutile, ma Israele lo vuole:...
(52)

Leggi tutto: Israele vuole...