Il ministro della difesa israeliano promette nuove uccisioni di civili e minaccia un attacco atomico contro l'Iran

The Electronic Intifada, 06.05.2015

http://electronicintifada.net/blogs/asa-winstanley/israeli-defense-minister-promises-kill-more-civilians-and-threatens-nuke-iran

dal Blog "Lobby Watch", di Asa Winstanley

Moshe Ya'alon parla alla conferenza di Shurat HaDin 2015.

Il ministro della difesa israeliano Moshe Ya'alon ha recentemente affermato che Israele attaccherà interi quartieri civili nel corso di un futuro assalto a Gaza o in Libano.

Parlando ad una conferenza a Gerusalemme, Ya'alon ha minacciato che "colpiremo civili libanesi, inclusi i bambini delle famiglie. Siamo già passati attraverso lunghe e profonde discussioni... lo abbiamo fatto allora, lo abbiamo fatto nella Striscia di Gaza, e lo faremo di nuovo in qualsiasi futura nuova tornata di ostilità".

Il funzionario israeliano è sembrato anche minacciare un attacco nucleare contro l'Iran, anche se ha detto "non siamo ancora a questo punto".

In risposta ad una domanda sull'Iran, Ya'alon ha detto che "in alcuni casi", quando "sentiamo di non avere la risposta tramite operazioni chirurgiche" Israele potrebbe adottare "certi passi" come gli americani fecero a "Hiroshima e Nagasaki, causando alla fine 200.000 vittime".

Riportando un colloquio del luglio 2013 con il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon, Ya'alon ha ricordato di come Israele avesse promesso di bombardare l'intero quartiere di Shujaiya a Gaza City.

Aveva mostrato a Ban foto di villaggi in Libano e di "certi quartieri di Gaza, fra cui il noto Shujaiya, con molti punti in rosso", che egli sosteneva indicassero "attività terroristiche in una zona urbana densamente popolata. E io dissi - nel luglio 2013 - che ci accingevamo a colpirle.".

Ya'alon è stato di parola. Il massacro Shujaiya è stato fra gli esempi più brutali di crimini di guerra israeliani durante l'attacco della scorsa estate sulla Striscia di Gaza.

Israele ha ucciso 2.257 palestinesi durante i 51 giorni di assalto, secondo il gruppo di monitoraggio delle Nazioni Unite OCHA. Di questi, il 70 per cento, sempre secondo OCHA, erano civili, tra cui 563 bambini (Defence for Children International-Palestine ha documentato 547 decessi infantili).

L'attacco di Shujaiya del 20 Luglio 2014 ha marcato il giorno più sanguinoso della guerra, quando Israele ha bombardato l'intero quartiere indiscriminatamente. I primi rapporti del ​​giorno stesso parlavano di 60 corpi estratti dalle macerie. Rapporti successivi hanno indicato un bilancio fra le 90 e le 120 vittime.

La minaccia del BDS

La conferenza era intitolata "Verso una nuova legge di guerra" e aveva lo scopo di aiutare Israele a usare un "arsenale legale" per difendere i suoi crimini nei tribunali di tutto il mondo.

L'altro tema principale del discorso di Ya'alon, che ha chiuso la conferenza, è stato la "sfida" posta dal BDS, il movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni. Il movimento globale a guida palestinese mira a rendere Israele responsabile dei suoi crimini.

Ya'alon ha cercato di presentare il movimento di attivisti di base come una sorta di fronte militare. Affermando che "la delegittimazione, il BDS e la guerra legale" sono solo "un altro strumento" di guerra dei nemici di Israele.

Si è lamentato di non essere stato in grado di visitare alcuni paesi europei a causa della possibilità di essere arrestato per presunti crimini di guerra secondo il diritto di giurisdizione universale: "Preferisco non andare in Gran Bretagna, a Londra, per circa 10 anni, o in Spagna per un po'".


"Danni collaterali"

Nel 2011, sotto la pressione di Israele, il governo britannico ha cambiato le leggi per rendere più facile la visita del paese agli israeliani sospettati di crimini di guerra. Anche se i cambiamenti hanno reso possibile che da allora molti politici israeliani e ufficiali militari di alto livello abbiano potuto visitare il paese, nel 2013, il generale maggiore a riposo Doron Almog ha cancellato una visita a Londra a causa di un mandato di arresto relativo a crimini di guerra commessi nella Striscia di Gaza.

Yaalon ha lamentato il fatto di dover ora insegnare ai soldati israeliani che "dobbiamo essere pronti a rinunciare a una visita a Londra ... ma non è giusto, non è equo."

Tuttavia, riferendosi a quanto pare alle modifiche di legge, ha affermato di "aver trovato un linguaggio comune per discutere di questi temi con i nostri amici, con i nostri alleati".

Ha anche descritto le critiche a Israele da parte di organismi internazionali come il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite come una "guerra dopo la guerra", sostenendo che "dovremmo contraccambiare".

Ha affermato che non ci dovrebbero essere indagini su soldati israeliani solo per "danni collaterali" - un eufemismo per l'uccisione di civili.

Conferenza su "guerra legale"

La conferenza è stata organizzata da Shurat HaDin, un gruppo di avvocati israeliani che è in prima linea nei tribunali di tutto il mondo per difendere i crimini di guerra di Israele e attaccare i gruppi di solidarietà con i palestinesi.

Nel 2013, come ho già riferito per The Electronic Intifada è stato rivelato che il gruppo ha legami molto stretti con l'establishment della sicurezza israeliana, al punto da agire come gruppo di supporto per il Mossad, la mortale agenzia di spionaggio all'estero di Israele.

La leader di Shurat HaDin Nitsana Darshan-Leitner ha introdotto Ya'alon alla conferenza.

Durante il suo discorso Ya'alon ha elogiato a profusione Shurat HaDin e la sua leader Nitsana Darshan-Leitner. Ha ringraziato il gruppo "per le attività di Shurat HaDin nel combattere le sfide odierne di Israele: la guerra legale, il BDS, la delegittimazione dello stato di Israele... Nitsana grazie molto per quello che state facendo per lo stato di Israele."

Ha sostenuto che Israele e i suoi sostenitori devono utilizzare le corti di tutto il mondo "per contrattaccare" i critici di Israele, e che questo è esattamente ciò che fa Shurat HaDin.

"Hasbara non è il termine giusto", ha continuato nella sessione di domande e risposte, "è una guerra ... Ognuno di noi può diventare un guerriero in questa guerra. Rispondendo, tramite i blog, diffondendo articoli, difendendo la nostra causa".

Hasbara (letteralmente "spiegazione" in ebraico) è il termine usato per la propaganda israeliana.

Giustificare gli attacchi israeliani contro i civili è stato il tema principale della conferenza. Un relatore dopo l'altro, tutti in fila per reinterpretare il diritto internazionale in modo che possa, presumibilmente, permettere l'uccisione di civili palestinesi e arabi.

Le uccisioni sono state giustificate tramite le familiari bufale sul presunto utilizzo di "scudi umani" da parte di fazioni della resistenza palestinese, che poi inevitabilmente si traduce in morti civili palestinesi. In altre parole, Israele è stato costretto a uccidere civili.

Ya'alon ha fatto un discorso simile affermando che i quartieri civili che Israele aveva bombardato contenevano "stanze per razzi".

Secondo il New York Times, Ya'alon è destinato a proseguire il suo incarico di ministro della Difesa nel governo appena concordato guidato dal suo leader di partito, il Likud, Benjamin Netanyahu, in coalizione con la "Casa ebraica" e gli altri partiti dell'ultra-destra.

The Electronic Intifada ha seguito l'intera conferenza e riporterà presto maggiori dettagli.

Traduzione di G.Graziani per l'Associazione di Amicizia Italo-Palestinese Onlus, Firenze