Un'altra Chiesa USA sostiene BDS. Altre Chiese faranno lo stesso

http://www.aljazeera.com/news/2015/07/united-church-christ-divest-israel-boycott-occupation-150701001231111.html

Dalia Hatuqa, 01 Luglio 2015

Nel suo trentesimo sinodo tenutosi a Cleveland nell'Ohio la Chiesa Unitaria di Cristo  (UCC=United Church of Christ), che conta un milione di fedeli, ha votato a larghissima maggioranza il disinvestimento da aziende che fanno profitti  dall'occupazione Israeliana quali Veolia, Caterpillar, Motorola, and HP e di boicottare le merci  delle colonie illegali. Mitri Raheb, pastore della Chiesa Evangelica Luterana in Giordania e Terrasanta, presente al Sinodo, ha dichiarato che “ questa decisione  manda alle popolazioni Palestinesi che vivono sotto occupazione un segnale forte che loro non sono soli e che vi sono Chiese che ancora osano dire la verità e stanno con gli oppressi

La risoluzione comporta che  i fondi pensione e di investimento della Chiesa, che gestisce nel complesso 4 mld di dollari, si liberino delle azioni delle aziende che traggono profitti dall'occupazione.

Mozioni analoghe sono in via di presentazione alle convenzioni generali della Chiesa Episcopale a Salt Lake City e della Chiesa Mennonita a Kansas City.

Nel 2014 altre due Chiese statunitensi, la Chiesa Presbiteriana e quella metodista, hanno votato il boicottaggio dei prodotti delle colonie ed il disinvestimento da diverse aziende  che traggono profitti dall'occupazione Israeliana.

Un numero crescente di Chiese statunitensi stanno rispondendo all'appello della comunità Cristiana Palestinese per adottare  boicottaggio e disinvestimento “come strumenti non violenti di giustizia, pace e sicurezza per tutti” come afferma il documento  Kairos Palestine(1), che è l'appello  lanciato nel 2009 da parte di Cristiani Palestinesi al mondo Cristiano per un aiuto a combattere l'occupazione Israeliana.

(1)Kairos in greco significa “momento decisivo”. Nel 1985 il Documento  Kairos fu la posizione elaborata da un gruppo di teologi in Sud Africa  in cui si chiedeva alle Chiese di prendere posizione  contro l'Apartheid.

(trad. e sintesi di Claudio Lombardi)