Israele uccide i sogni di un campione di boxe di Gaza

Israele uccide i sogni di un campione di boxe di Gaza

The Electronic Intifada 15.01.2019

https://electronicintifada.net/content/video-israel-kills-dreams-gaza-boxing-champion/26416

 

Ahmad Abu Marahil, 20 anni, è uno dei migliori pugili di Gaza

Le forse di occupazione israeliane hanno ferito Abu Marahil tre volte durante la Grande Marcia del Ritorno, costringendolo su una sedia a rotelle.

Anche prima delle ferite,  Abu Marahil sognava di parteciparea campionati in altre città palestinesi e in giro per il mondo. Ma Israele gli ha ripetutamente impedito di lasciare Gaza.

“Avevo l'ambizione di diventare un campione di boxe e rappresentare la Palestina all'estero” ha detto Abu Marahil a Electronic Intifada.

“Ma l'occupazione glielo ha impedito” aggiunge Osama Ayoub, l'allenatore di Abu Marahil.

Nonostante le ferite, Abu Marahil è determinato a continuare con lo sport che ama.

Video di Amjad Ayman e Yousef Mashharawi.

 

 

Traduzione e sottotitoli italiani a cura dell'Associazione di Amicizia Italo-Palestinese Onlus, Firenze

 

Israele uccide i sogni di un campione di boxe di Gaza
Watch the video

The Electronic Intifada 15.01.2019

https://electronicintifada.net/content/video-israel-kills-dreams-gaza-boxing-champion/26416

 

Ahmad Abu Marahil, 20 anni, è uno dei migliori pugili di Gaza

Le forse di occupazione israeliane hanno ferito Abu Marahil tre volte durante la Grande Marcia del Ritorno, costringendolo su una sedia a rotelle.

Anche prima delle ferite,  Abu Marahil sognava di parteciparea campionati in altre città palestinesi e in giro per il mondo. Ma Israele gli ha ripetutamente impedito di lasciare Gaza.

“Avevo l'ambizione di diventare un campione di boxe e rappresentare la Palestina all'estero” ha detto Abu Marahil a Electronic Intifada.

“Ma l'occupazione glielo ha impedito” aggiunge Osama Ayoub, l'allenatore di Abu Marahil.

Nonostante le ferite, Abu Marahil è determinato a continuare con lo sport che ama.

Video di Amjad Ayman e Yousef Mashharawi.

 

 

Traduzione e sottotitoli italiani a cura dell'Associazione di Amicizia Italo-Palestinese Onlus, Firenze