Il supporto psicologico è vitale per i palestinesi a Gaza

http://www.bocchescucite.org/un-dottore-il-supporto-psicologico-e-vitale-per-i-palestinesi-a-gaza-ma-i-veri-problemi-sono-loccupazione-e-il-blocco/

tratto da: rete Italiana ISM

https://www.middleeastmonitor.com/
11 luglio 2020

Anjuman Rahman

Le persone a Gaza soffrono di pressioni mentali schiaccianti a causa dell’estrema deprivazione economica, dell’assedio in corso e delle condizioni di vita in stato di sovraffollamento.

Ciò è dovuto al fatto di aver sopportato tre guerre brutali nell’ultimo decennio. Il Dr. Mohamed Altawil, che ha fondato il Palestine Trauma Center (PTC) a Gaza 13 anni fa, ha studiato gli effetti dell’estrema paura e ansia nella popolazione.

Riconosce la disperata necessità di disporre di più strutture mediche per far fronte a lesioni e disturbi fisici, ma sottolinea l’importanza generalmente non riconosciuta di trovare più sistemi di supporto per la salute mentale a Gaza per alleviare il trauma sofferto all’interno delle famiglie.

Attinge alla propria esperienza di bambino a Gaza negli anni ’80 e alle successive pressioni sulla sua famiglia oggi per rintracciare la crescente disperazione e le sfide che le persona Gaza affrontano ogni giorno.

Dopo aver lasciato la sua casa di famiglia nel campo profughi di Nuseirat a Gaza, Mohamed ha fondato PTC Gaza nel 2007, ritenuto il primo centro del suo genere in Palestina e nel mondo di lingua araba.

È specializzato in servizi psicologici e culturali per la comunità araba e musulmana in Gran Bretagna e all’estero, con particolare enfasi su trauma, lutto, depressione e ansia.

“Forniamo servizi medici psicologici, sociali e specializzati per i palestinesi nella Striscia di Gaza che hanno sofferto e continuano a soffrire per il blocco imposto da Israele ed Egitto. Il nostro lavoro psicologico ha sviluppato metodi di risposta alle emergenze durante i bombardamenti del 2008-9, 2012 e l’invasione del 2014. Questi vengono ora adattati per far fronte alla minaccia del virus COVID-19 “.

All’indomani della guerra del 2014, l’OMS ha stimato che fino al 20% della popolazione di Gaza potrebbe aver sviluppato problemi di salute mentale. Secondo l’UNICEF, oltre 300.000 bambini a Gaza hanno richiesto una sorta di assistenza psicosociale.

Gli operatori umanitari, compresi i funzionari dell’agenzia per i rifugiati palestinese delle Nazioni Unite (UNRWA), avvertono di una crisi di salute mentale senza precedenti che si sta verificando in tutta Gaza, aggravata da un’ondata di violenza nell’ultimo anno e finanziamenti che hanno ridotto i programmi di sostegno vitale.

Inoltre, il blocco israeliano di 13 anni ha gravemente ridotto la qualità della vita a Gaza, dove la disoccupazione giovanile si attesta attualmente al 60% e i livelli di povertà sono aumentati Secondo Mohamed, i genitori sono stati i più colpiti.

“Anche se sono gli anziani, i bambini o le donne che sono principalmente al centro delle organizzazioni benefiche”, afferma, “per esperienza personale e professionale, sono i genitori a essere più vulnerabili”.

“È straziante quando, come madre o padre, ti senti impotente dopo che tuo figlio è stato colpito o ferito e sanguina a morte mentre non puoi fare nulla”

Durante un bombardamento, non hai risorse per proteggere il bambino terrorizzato che si aggrappa a te. Questa profonda impotenza può rendere i genitori vulnerabili alla disperazione e alla rabbia incontrollata.

“Riteniamo che la migliore terapia e trattamento debbano essere messi a disposizione delle persone di Gaza che soffrono non solo di sintomi di PTSD, ma anche di una forma di trauma in corso. Abbiamo scoperto che i metodi psicosociali che incorporano elementi culturali e storici della situazione palestinese possono aiutare la resilienza “.

Di conseguenza, ha sviluppato la terapia familiare e comunitaria. “Una persona che soffre di PTSD in una famiglia colpisce tutto il resto”, dice, “perché la famiglia è l’unità centrale più efficace nella comunità. L’intervento deve prima occuparsi della famiglia.

“Abbiamo psichiatri, assistenti sociali, psicologi e infermieri che usano tutti un metodo multisensoriale per affrontare il trauma. Quindi non sono solo chiacchiere. Le attività pratiche sono di vitale importanza durante gli interventi, quindi sono fisicamente potenziate e abbastanza resistenti da sentirsi come se potessero prendersi cura di se stesse e, a loro volta, prendersi cura della propria famiglia. ”

“Ogni venerdì, un team di artisti della performance insieme a terapisti noti come” Joy Team “si recano in diversi campi profughi per intrattenere bambini e famiglie e portarli in strada per giochi, teatro di strada, clown e danza. È un’iniziativa di costruzione della comunità sviluppata per contrastare il trauma e si è dimostrata molto popolare. ”