Palestina in foto, agosto 2020

The Electronic Intifada, 01.09.2020

Il 31 agosto Hamas e Israele avrebbero raggiunto un accordo per impedire uno scontro su vasta scala al confine di Gaza, dopo settimane di crescente tensione e violenza.
Israele ha colpito Gaza con carri armati e attacchi aerei in risposta ai palloncini incendiari lanciati dal territorio di Gaza che hanno causato alcuni incendi in campi agricoli dalla parte israeliana.
L'accordo, mediato da Egitto, Nazioni Unite e Qatar, vedrà presumibilmente l'arresto del lancio di palloncini e razzi da Gaza e un allentamento delle misure di punizione collettiva israeliane recentemente imposte sul territorio.
Il 18 agosto, Israele aveva interrotto il trasferimento a Gaza di carburante finanziato dal Qatar, costringendo alla chiusura l'unica centrale elettrica del territorio.
Di conseguenza, l'elettricità a Gaza è stata ridotta a due o tre ore al giorno. La chiusura della centrale è coincisa con la rilevazione dei primi casi di COVID-19 dovuti a conatgio interno al territorio.
Israele ha anche vietato ai palestinesi di pescare al largo della costa di Gaza e ha chiuso l'unico passaggio merci del territorio.
Tali misure costituiscono una violazione della Quarta Convenzione di Ginevra, che vieta la punizione collettiva. Funzionari israeliani hanno attribuito a queste misure di punizione collettiva il merito di aver spinto  Hamas a stipulare un accordo.

Ritorno allo status quo di crisi acuta

L'allentamento delle misure punitive significa il ritorno allo status quo del blocco israeliano su Gaza, imposto dal 2007.
Diverse organizzazioni per la difesa dei diritti umani hanno attribuito all'assedio il degrado delle infrastrutture civili e la attuale "crisi economica acuta".
Le misure israeliane hanno reso Gaza "mal equipaggiata ad affrontare lo scoppio della pandemia [del coronavirus]", dichiara Gisha, un gruppo che monitora la chiusura del territorio da parte di Israele.
Ignacio Casares Garcia, a capo del Comitato internazionale della Croce Rossa a Gaza, ha avvertito che "il sistema sanitario di Gaza non sarebbe in grado di trattare più di poche dozzine di pazienti affetti da coronavirus".
La soglia è già stata superata a Gaza, dove ci sono solo 90 ventilatori disponibili.
Al 1 ° settembre, le autorità hanno confermato 400 casi di COVID-19 nel territorio, più di 300 dei quali attivi, e cinque morti. Due dei casi attivi sono critici e 20 da moderati a gravi, comunica il ministero della salute a Gaza.

L'apartheid mina il diritto alla salute

In quanto potenza occupante, Israele è responsabile del diritto alla salute dei palestinesi, ma non ha pubblicato alcun piano per prevenire la diffusione del COVID-19 a Gaza.
Il regime israeliano di apartheid ha minato il diritto alla salute di tutti i palestinesi che vivono sotto il suo governo in mezzo alla pandemia, hanno affermato diversi gruppi per i diritti umani.
Al 31 agosto, c'erano quasi 30.000 casi confermati di COVID-19 in Cisgiordania e Gaza, 173 dei quali fatali. I casi di contagio sono aumentati in Cisgiordania ad agosto, in particolare a Hebron e a Gerusalemme est.
Sulla stampa israeliana, l'aumento dei casi di coronavirus in Israele ad agosto è stato in parte attribuito ai raduni di cittadini palestinesi durante la festa di Eid al-Adha all'inizio di agosto.
Lo "zar" israeliano del coronavirus ha paragonato l'aumento dei tassi di infezione tra i cittadini palestinesi - soggetti a dozzine di leggi che limitano i loro diritti in tutti i settori della vita - a un attacco terroristico.
Anche i palestinesi detenuti nei centri di detenzione israeliani sono risultati positivi al COVID-19, compreso un bambino.
I gruppi per i diritti umani prevedono un "vero disastro" nel caso di una trasmissione diffusa del virus nelle carceri israeliane, dove i palestinesi sono detenuti in condizioni di sovraffollamento e sottoposti a negligenza medica.
La più alta corte israeliana ha stabilito a luglio che i prigionieri palestinesi non hanno diritto al distanziamento fisico per proteggersi dal COVID-19.
Il 1 ° settembre, l'agenzia delle Nazioni Unite UNRWA ha segnalato circa 4.200 casi tra i rifugiati palestinesi nei paesi e territori in cui opera. La stragrande maggioranza di questi casi si è verificata nella Cisgiordania occupata, con 430 casi in Libano, 50 a Gaza, 40 in Giordania e 12 in Siria.
L'UNRWA ha detto che due profughi palestinesi sono tra le vittime dell'esplosione del 4 agosto nel porto di Beirut. Quasi 200 persone sono morte e più di 6.500 sono rimaste ferite a causa della enorme esplosione.

Normalizzazione

Nel frattempo, Emirati Arabi Uniti e Israele hanno normalizzato le relazioni diplomatiche ad agosto con un accordo firmato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Israele ha annunciato la sospensione dei suoi piani di annessione formale di parte della Cisgiordania come parte dell'accordo, sebbene l'annessione di fatto sul terreno continui.
Oman e Bahrain hanno annunciato che saranno i prossimi a normalizzare le relazioni, mentre gli Emirati Arabi Uniti hanno posto fine al boicottaggio di Israele con il primo volo commerciale della compagnia aerea nazionale israeliana da Tel Aviv ad Abu Dhabi il 31 agosto.


Le forze di occupazione israeliane hanno ucciso due palestinesi durante il mese.
Muhammad Matar, 16 anni, è morto dopo essere stato raggiunto da colpi di arma da fuoco e arrestato nella Cisgiordania centrale il 19 agosto. L'esercito israeliano ha affermato che le truppe hanno sparato a una "cellula terroristica" che stava preparando bottiglie molotov e posando pneumatici sulla strada con l'intenzione di dar loro fuoco.

Le forze di occupazione israeliane hanno ucciso Ashraf Hassan Atallah Halasa, 30 anni, durante un presunto attacco a coltellate durante il quale un ufficiale paramilitare della polizia di frontiera è stato leggermente ferito nella Città Vecchia di Gerusalemme.
Sempre ad agosto, Dalia Samudi, 23 anni, è stata uccisa dopo essere stata colpita da un proiettile mentre chiudeva una finestra per impedire l'ingresso di gas lacrimogeni nella sua casa durante un raid israeliano nella città di Jenin, nel nord della Cisgiordania.
Fonti palestinesi hanno attribuito la ferita mortale della donna al fuoco israeliano, sebbene i militari abbianno negato l'uso di munizioni vere durante il raid del 7 agosto.
Finora quest'anno circa venticinque palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane.
Un rabbino è stato accoltellato e ucciso da un palestinese della Cisgiordania a Petah Tikva il 26 agosto. Si tratta del primo civile israeliano ucciso da un palestinese nel contesto dell'occupazione quest'anno.
Un soldato israeliano è stato ucciso da una pietra lanciata sulla sua testa durante un'incursione in una comunità della Cisgiordania a maggio.

Agenti di polizia sorvegliano gli attivisti anti-occupazione che bloccano l'ingresso degli uffici del Fondo nazionale ebraico a Gerusalemme, il 2 agosto. Gli attivisti hanno bloccato l'edificio per protestare contro il ruolo del JNF nel potenziale imminente sfratto di una famiglia palestinese dalla loro casa nel quartiere di Silwan a Gerusalemme est. Il JNF è un'agenzia para-statale che è solita sfrattare i palestinesi a beneficio dei coloni israeliani.

Heather Sharona Weiss ActiveStills

Alcuni palestinesi attraversano una recinzione militare israeliana lungo il confine della Cisgiordania con Israele per visitare le destinazioni a cui è negato l'accesso gratuito, il 5 agosto scorso. L'esercito israeliano ha finto di non vedere mentre decine di migliaia di palestinesi attraversavano le aperture nel recinto durante la festività di Eid al-Adha, quando i militari in genere rilasciano un numero limitato di permessi di transito, ma non lo hanno fatto quest'anno a causa delle restrizioni COVID-19.

Oren Ziv ActiveStills

Palestinesi di Gaza City tengono una veglia a lume di candela in solidarietà con le vittime dell'esplosione a Beirut il 6 agosto.

Mohammed Zaanoun ActiveStills

Alcunipalestinesi ispezionano i resti di una casa demolita da Israele nel villaggio di Farasin, in Cisgiordania, vicino a Jenin, l'11 agosto. La casa è stata demolita con il pretesto che è stata costruita senza un permesso, che raramente viene rilasciato ai palestinesi in circa il 60 per cento della Cisgiordania sotto il pieno controllo militare israeliano.

Shadi Jarar’ah APA images

Un contadino palestinese raccoglie il timo nella città di Jenin in Cisgiordania il 12 agosto.

Shadi Jarar’ah APA images

Alcuni palestinesi in attesa dei permessi di transito per entrare in Egitto attraverso il valico di Rafah nel sud di Gaza, il 13 agosto.

Ashraf Amra APA images

Ruspe in azione per espandere l'insediamento per soli ebrei di Nofei Nehemia, costruito su un terreno di proprietà palestinese nell'area di Salfit in Cisgiordania, il 13 agosto.

Ahmad Al-Bazz ActiveStills

Il municipio di Tel Aviv espone la bandiera degli Emirati Arabi Uniti mentre gli Emirati Arabi Uniti e Israele annunciavano che avrebbero stabilito pieni rapporti diplomatici, il 13 agosto.

Oren Ziv ActiveStills

Palestinesi, molti dei quali provenienti dalla Cisgiordania, si godono una giornata in spiaggia nella città di Jaffa, il 14 agosto.

Oren Ziv ActiveStills

Un ragazzo palestinese osserva i danni di un attacco aereo israeliano nel campo profughi di al-Bureij, nel centro di Gaza, il 15 agosto.

Ashraf Amra APA images

L'autoproclamata "Unità di Confusione Notturna" si riunisce vicino alla recinzione israeliana lungo il confine orientale di Gaza, il 16 agosto. I manifestanti disturbano l'esercito israeliano e le persone che vivono nelle vicinanze appiccando incendi ad aree oltre la recinzione e suonando i clacson.

Mohammed Zaanoun ActiveStills

Una foto del presidente degli Stati Uniti Donald Trump brucia durante una protesta contro l'accordo di normalizzazione tra Emirati Arabi Uniti e Israele a Khan Younis, nel sud di Gaza, il 17 agosto.

Ashraf Amra APA images

L'allenatore di parkour Ahmad Abu Hasira conduce l'allenamento fuori dalla sua casa di Gaza City, il 18 agosto.

Mahmoud Ajjour APA images

Un attacco aereo israeliano a Gaza City il 18 agosto.

Mahmoud Alhende APA images

Il 19 agosto una bambina palestinese fa i compiti usando una lampada a gas in una casa povera a Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza.

Mohammed Zaanoun

Palestinesi protestano contro l'accordo di normalizzazione tra Emirati Arabi Uniti e Israele a Gaza City il 19 agosto.

Mahmoud Ajjour APA images

Prepazione di palloncini incendiari da lanciare verso Israele nel campo profughi di al-Bureij, nel centro di Gaza, il 20 agosto.

Ashraf Amra APA images

Protesta contro l'accordo di normalizzazione tra Emirati Arabi Uniti e Israele a Gaza City il 20 agosto.

Mahmoud Ajjour APA images

Soldati israeliani arrestano un uomo palestinese durante una protesta contro la costruzione di una nuova zona industriale di coloni nel villaggio di Izbat Shufa in Cisgiordania, vicino alla città di Tulkarm, in Cisgiordania, il 20 agosto.

Ahmad Al-Bazz ActiveStills

Protesta contro l'occupazione e la colonizzazione israeliana nel villaggio di Haris in Cisgiordania il 21 agosto. L'esercito israeliano ha chiuso l'ingresso del villaggio, impedendo ai manifestanti di raggiungere la loro terra.

Ahmad Al-Bazz ActiveStills

Persone in lutto portano i corpi di quattro combattenti della Jihad islamica che sono stati uccisi in un'esplosione accidentale durante la notte, Gaza City, 25 agosto.

Ashraf Amra APA images

La polizia palestinese impone un blocco nelle strade di Gaza City dopo che i primi casi di COVID-19 sono stati confermati fuori dai centri di quarantena di Gaza, il 25 agosto.

Mohammed Zaanoun ActiveStills

Una coppia si fa un selfie a Gaza City durante il blocco che ha fatto seguito alle prime infezioni da COVID-19 trasmesse nel territorio, il 27 agosto.

Mohammed Zaanoun ActiveStills

Un uomo palestinese fabbrica mascherine nel suo laboratorio nel quartiere di al-Shujaiyeh di Gaza City il 29 agosto.

Mohammed Zaanoun ActiveStills

Un medico della Mezzaluna Rossa palestinese a Deir al-Balah, nel centro di Gaza, indossa indumenti protettivi mentre si prepara a lavorare durante il blocco del COVID-19 il 30 agosto.

Ashraf Amra APA images

 

Traduzione a cura dell'Associazione di Amicizia Italo-palestinese Onlus, Firenze