• gerusalemme999.png
  • gerusalemme998.jpg
  • 24dic_4.jpeg
  • gazaSea.jpg
  • gerusalemme98.jpg
  • gerusalemme99.jpg
  • breachInTheWall_S.png
  • gerusalemme44.jpg
  • bimbi.jpg
  • manif.jpg
  • gerusalemme4.jpg
  • gerusalemme9977.png
  • gerusalemme997.jpg

Uccisioni, Torture e iniezioni di sostanze sconosciute: La comunità deve agire contro le violenze israeliane dei detenuti di Gaza

PUBBLICATO IL15/06/2024 DI INVICTA PALESTINA

La comunità internazionale e le istituzioni giudiziarie internazionali devono rompere il circolo vizioso del silenzio, dichiarare posizioni ferme e intraprendere azioni concrete contro le orribili Torture a cui sono sottoposti i civili palestinesi, sia uomini che donne.

Fonte. English version

Dell’Osservatorio Euro-Mediterraneo per i Diritti Umani – 12 giugno 2024

Territorio Palestinese – Nuove testimonianze di detenuti palestinesi rilasciati dalle carceri e dai centri di detenzione israeliani ricevute dall’Osservatorio Euro-Mediterraneo confermano che migliaia di civili sono stati sottoposti a Trattamenti Inumani e Degradanti e a Gravi Torture come parte del Genocidio israeliano nella Striscia di Gaza, in corso da allora 7 ottobre 2023.

La comunità internazionale e le istituzioni giudiziarie internazionali devono rompere il circolo vizioso del silenzio, dichiarare posizioni ferme e intraprendere azioni concrete contro le orribili Torture a cui sono sottoposti i civili palestinesi, sia uomini che donne. Questo abuso si è intensificato a tal punto che, per le vittime abbastanza fortunate da sopravvivere, ora include violenza sessuale, iniezioni forzate di sostanze sconosciute, lesioni deliberate e marchiatura identificativa sui loro corpi. L’entità della violenza dovrebbe indurre la comunità internazionale a costringere Israele a porre fine a tutti i suoi Crimini contro i prigionieri e detenuti palestinesi, compresi i Crimini di Tortura, Trattamento Inumano e Sparizione Forzata, che sono stati commessi contro migliaia di civili provenienti dalla Striscia di Gaza nel corso degli ultimi otto mesi.

Martedì 11 giugno l’esercito israeliano ha rilasciato decine di prigionieri nella zona di Zikim, nel Nord della Striscia di Gaza. Una volta rilasciati tutti, l’esercito israeliano ha aperto il fuoco su di loro e li ha fatti correre a piedi per centinaia di metri per tornare alle loro aree residenziali. A causa dell’esaurimento, sono arrivati ​​in condizioni deplorevoli, aggravando i problemi di salute che molti avevano sviluppato durante le Torture e gli abusi subiti durante la detenzione. Trentatré di loro sono venuti per essere curati all’Ospedale Kamal Adwan di Beit Lahia, nel Nord della Striscia di Gaza.

Un detenuto di 23 anni recentemente liberato, Samir Abdullah Jamal Marjan, ha testimoniato di essere stato molestato verbalmente, picchiato brutalmente e sottoposto a scosse elettriche, oltre ad aver respinto un tentativo di farsi iniettare una sostanza sconosciuta nel suo corpo:

“L’11 marzo 2024, mentre tentavo di fuggire verso Sud, sono stato arrestato dall’esercito israeliano al posto di blocco Nabulsi, nel Sud-ovest di Gaza Città. Sono stato rinchiuso per due mesi in un centro di detenzione di fronte a Rafah, dopodiché sono stato trasferito nella prigione di Ashkelon, dove ho trascorso altri due mesi. Nei corridoi del carcere, io e gli altri detenuti abbiamo vissuto giorni molto difficili. Ogni giorno subiamo gravi abusi fisici e psicologici, tra cui percosse e insulti, nonché attacchi di cani, minacce e scosse elettriche. Nella prigione di Ashkelon le cose andarono anche peggio. Sono stato tenuto in isolamento e sono rimasto senza cibo per 12 giorni”.

“Durante l’interrogatorio, hanno usato scosse elettriche per estorcere ‘confessioni’ su Hamas e sui tunnel. Sono stato picchiato quando ho risposto che non lo sapevo perché ero un civile, e non sapevo nemmeno di altre questioni. Abbiamo dovuto sopportare terribili percosse e Torture oltre ad essere interrogati ogni 10 giorni. Ho visto persone soffrire di gravi peggioramenti di salute; alcuni si sono addirittura ammalati e non hanno ricevuto cure mediche, e ad alcuni detenuti sono state praticate anche iniezioni sconosciute da parte dell’esercito. Sono stato picchiato e sottoposto a scosse elettriche poiché mi sono rifiutato di farmi iniettare la sostanza sconosciuta. La Tortura è continuata durante tutto il mio periodo di detenzione”.

“Ieri uno degli agenti mi ha dato delle scosse elettriche, per aver superato il tempo concesso in bagno. Gli effetti delle scosse sono ancora visibili sul mio corpo. Se si passavano più di quattro minuti nella toilette avrebbero usato l’elettricità, perché anche l’uso del bagno ha un tempo prestabilito. La notte scorsa sono rimasto stupito nell’apprendere che sarei stato rilasciato e non sono riuscito a dormire. Poi ci hanno portato a Zikim, dove siamo stati rilasciati e fatti allontanare a colpi di mitragliatrice”.

In un’altra testimonianza, Amr Abdel Fattah Al-Aklouk ha dichiarato di essere un residente della Striscia di Gaza sottoposto a cure mediche a Gerusalemme. Dall’inizio dell’attacco alla Striscia, l’esercito israeliano lo ha arrestato tre volte, l’ultimo arresto è avvenuto il 5 giugno. Al-Aklouk è stato testimone della morte di un altro detenuto che è stato Torturato a Morte quel giorno dall’esercito israeliano, affermando: “Ho incontrato un detenuto di nome Muhammad Al-Kahlot, che vive ad Al-Faluja, nel Nord della Striscia di Gaza, circa cinque giorni fa. Mi ha chiesto di mettermi in contatto con la sua famiglia e di far loro sapere che stava bene se fossi uscito. Non sapevo che sarei stato rilasciato mentre parlavo con lui nella stanza di fronte a noi. Dopo la nostra conversazione, è morto il giorno seguente a causa delle Torture e l’esercito ha messo il suo corpo in un sacco per cadaveri e lo ha portato in un luogo sconosciuto. C’era in custodia un gruppo di prigionieri della Striscia di Gaza designati come ‘prigionieri di sicurezza’. Per tutto il giorno sopportano oppressioni e percosse violente e gratuite che fanno sanguinare i loro corpi. Muhammad è stato ucciso dalle Torture subite in vari momenti della giornata”.

In una terza testimonianza, S.A., un uomo di 65 anni che ha chiesto l’anonimato per motivi di sicurezza, ha descritto come è stato prelevato dalla sua casa nel campo profughi di Jabalia, sottoposto a Tortura, imprigionato in condizioni spaventose e assistito alla Tortura di un giovane non udente. Ha dichiarato: “L’esercito israeliano ha preso d’assalto il campo di Jabalia lo scorso mese. Abbiamo scelto di restare nella nostra casa nel quartiere di Al-Qasaib, dietro la clinica dell’UNRWA di Jabalia. L’esercito ha preso d’assalto la nostra casa mentre i loro veicoli militari facevano irruzione nella zona. Ci costrinsero tutti ad uscire e presero me e due dei miei nipoti, mentre gli altri sono stati evacuati nelle aree occidentali, portandoci in un posto che non riuscivamo a capire dove fosse il 21 maggio 2024. Eravamo bendati fin dall’inizio e non avevamo idea di dove ci portassero o cosa stesse succedendo intorno a noi.

Siamo stati detenuti per circa 20 giorni, ma sembravano passati 20 anni. Ogni giorno si verificavano abusi, percosse e umiliazioni. Con l’avvicinarsi dell’ora di andare a dormire, le porte cominciavano a sbattere e una musica inquietante usciva dagli altoparlanti. Il cibo era così scarso che a malapena si riusciva a procurarsi una pagnotta e un po’ di formaggio. Usare il bagno era difficile e un’esperienza umiliante. Non hanno tenuto conto del fatto che avevo 65 anni e non ero la persona più anziana lì. C’era qualcun altro con più di 70 anni. Eravamo in quella che sembrava essere una ‘caserma’. Non avevamo idea di dove fossimo. L’Esercito di Occupazione era occupato a cercare di deportare in località sconosciute un gran numero di persone che arrivavano in questo sito, che sembrava essere un centro di detenzione.

In detenzione c’era una persona muta. Per molti giorni non hanno smesso di picchiarlo e torturarlo, chiedendogli di rispondere alle domande anche se non poteva parlare. Dal momento del nostro arresto siamo stati sempre ammanettati; lo eravamo anche quando mangiavamo o usavamo il bagno. Lunedì notte, 10 giugno 2024, ci dissero che saremmo stati rilasciati. Tuttavia, prima che ci rilasciassero, una delle guardie mi ha minacciato, dicendo: “Non lamentarti di nulla con la stampa, altrimenti verremo di nuovo a cercarti”. Nella zona di Zikim vicino a Beit Lahia, al confine Nord-occidentale, uno dei soldati ci ha informato, durante il nostro rilascio martedì pomeriggio, 11 giugno, che avevamo solo quattro minuti per raggiungere le aree residenziali. Dopodiché, ha minacciato di sparare a chiunque vedesse. Anche se il terreno era dissestato e non c’erano case in vista, abbiamo iniziato a correre nel caldo soffocante”.

I detenuti palestinesi che sono stati liberati dalla detenzione israeliana attestano il fatto che, nonostante sappiano che i detenuti sono civili, le forze israeliane continuano ad abusare del loro potere torturandoli e trattandoli in modo disumano. Il continuo silenzio della comunità internazionale, in particolare; quella degli organismi competenti delle Nazioni Unite, porterà all’inevitabile perpetuazione di questa Tortura.

Un rapporto del 12 giugno della Commissione Internazionale Indipendente d’Inchiesta sui Territori Palestinesi Occupati, compresa Gerusalemme Est e Israele, afferma che i palestinesi della Striscia di Gaza in generale, e i detenuti palestinesi in particolare, sono stati sottoposti a Tortura e Trattamenti Inumani, tra cui violenza sessuale; spogliati in pubblico con gli occhi bendati; legati alle sedie in ginocchio o con le mani legate dietro la schiena; sottoposto ad abusi fisici e psicologici durante l’interrogatorio; e costretti a compiere atti umilianti mentre erano svestiti, come ballare a piedi nudi mentre venivano filmati.

Karim Khan, Procuratore della Corte Penale Internazionale, ha ignorato i gravi reati commessi dalle forze militari e di sicurezza israeliane contro i prigionieri e i detenuti palestinesi nei Territori Palestinesi Occupati nel suo insieme. Questi Crimini includono Stupro, Tortura, Detenzione Illegale, Sparizione Forzata, Trattamento Inumano e inflizione volontaria di gravi sofferenze privando prigionieri e detenuti di cure mediche essenziali e di un giusto processo. Ciò è particolarmente grave alla luce dei numerosi rapporti internazionali credibili e delle prove rilasciate dalle organizzazioni per i diritti umani e dai media che attestano l’uso diffuso e sistematico della Tortura e della violenza contro i palestinesi da parte di Israele. Sono state ricevute dozzine di denunce riguardanti violenza sessuale, compresa la nudità forzata, oltre a Violenze sessuali verbali e fisiche, mentre la stampa internazionale documenta almeno sette casi di stupro contro donne e uomini palestinesi detenuti nelle carceri e nei centri di detenzione israeliani.

Si raccomanda che il Procuratore della Corte Penale Internazionale conduca un’indagine su tutti i Crimini perpetrati da Israele contro i prigionieri e detenuti palestinesi, allarghi la sua competenza per comprendere tutti gli individui responsabili di questi Crimini e acceleri l’emissione di mandati di arresto contro ciascuno di loro.

Anche il Relatore Speciale delle Nazioni Unite sulla questione della tortura e di altri trattamenti o punizioni crudeli, inumani o degradanti deve svolgere il ruolo che gli è stato assegnato in conformità con il suo mandato e seguire le regole di integrità e rimanere indipendente nel suo lavoro. Ciò include condurre indagini tempestive ed effettuare sopralluoghi sul campo per conoscere la verità sul trattamento dei detenuti uomini e donne che sono soggetti a gravi Violazioni e gravi Crimini, e presentare rapporti su di loro, piuttosto che lasciare che siano le autorità israeliane a gestire tali questioni. Ciò aprirà la strada al lavoro delle Commissioni d’inchiesta e dei tribunali internazionali nell’esame, indagine e svolgimento di processi riguardanti i Crimini commessi dall’esercito israeliano contro i palestinesi nella Striscia di Gaza.

La comunità internazionale dovrebbe esercitare pressioni sulle autorità israeliane affinché restituiscano i corpi dei prigionieri e detenuti palestinesi che sono stati uccisi nelle carceri e nei centri di detenzione israeliani, nonché affinché rilascino tutti i detenuti palestinesi che sono stati arbitrariamente arrestati e, se vengono processati, per garantire tutte le procedure di giusto processo.

Israele deve cessare immediatamente la pratica di far sparire forzatamente prigionieri e detenuti palestinesi dalla Striscia di Gaza; rendere note tutte le strutture di detenzione segrete; rivelare le identità di tutti i palestinesi detenuti nella Striscia di Gaza, la loro ubicazione e il loro destino; e assumersi la piena responsabilità della loro sicurezza.

Inoltre, si raccomanda l’istituzione di una Commissione d’inchiesta internazionale indipendente focalizzata sui Crimini commessi durante l’attuale attacco militare israeliano alla Striscia di Gaza, oltre a facilitare il lavoro della Commissione già istituita nel 2021 riguardo ai Territori Palestinesi Occupati. Ciò include garantire l’accesso di entrambe le Commissioni alla Striscia e avviare indagini su tutti i Crimini e le Violazioni contro i palestinesi lì, comprese le circostanze relative alla morte di tutti i prigionieri e detenuti palestinesi uccisi nelle carceri israeliane, nonché qualsiasi tipo di Violenza Sessuale contro persone di qualsiasi genere.

Traduzione: Beniamino Rocchetto - Invictapalestina.org


Prossimi Eventi

Nessun evento

In evidenza

Iniziative

Altri Articoli

Questa pagina viene continuamente aggiornata con gli eventi sulla Palestina in Toscana, oltre a quelli di rilevanza nazionale.Per segnalare eventi non presenti nella lista si prega di scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   mar...

Leggi tutto: Prossimi...

ROMPIAMO IL SILENZIO!CORTEO E PRESIDIO   ore 19 CORTEO da Santa Maria Novellaa seguire PRESIDIO in piazza Strozzi  Sono 9 mesi che il mondo sta vedendo qualcosa di mai accaduto in precedenza. Un popolo, quello palestinese, sta subendo un vero e proprio genocidio: ospedali bombardati, esseri umani...

Leggi tutto: 14 luglio -...

Domenica 30 giugno Ore 19.00c/o Comunità delle Piagge - C.S. Il Pozzo Piazza Alpi e Hrovatin, 2   La Palestina che resiste PRESENTAZIONE DEL LIBRO:  "UNA TERRA POPOLATA. Storie di vita e resistenza della Palestina" Testimonianze e dialogo sulla situazione in Palestina con:Attivista Palestinese di un campo...

Leggi tutto: La Palestina...

Notizie e Reportage

Altri Articoli

Internazionale 1572 -18.7.24 Quante barbariche uccisioni sarà autorizzato a compiere lo stato ebraico per eliminare uno o due comandanti di Hamas, sia pure i più feroci e pericolosi? Nessun israeliano se lo chiede Opinione di Gideon Levy (Haaretz)     La fanfara della vittoria ha squillato subito. La...
(31)

Leggi tutto: Quante vite...

Interventi

Altri Articoli

Il dossier presentato da Karim Khan prende in esame solo alcuni dei possibili crimini commessi contro i palestinesi di Mouin Rabbani Inter Presse Service, 22 maggio 2024 La richiesta di mandati d’arresto in relazione alla situazione in Palestina fatta il 20 maggio dal procuratore della Corte...
(253)

Leggi tutto: ...